25 APRILE

Non sfugge a nessuno il fatto che viviamo un periodo molto delicato sul piano della tenuta democratica e valoriale del nostro Paese, con episodi di intolleranza, discriminazione, uniti a preoccupanti rigurgiti di fascismi – sotto diverse forme – che tutti pensavamo sepolti, ma che non vanno in alcun modo sottovalutati o sminuiti.

Mai come in questo periodo storico è assolutamente necessario, anche nel nostro piccolo territorio, dimostrare compattezza e rigore a difesa dei valori della nostra Repubblica, nata con la Resistenza al nazifascismo prima e dopo l’8 settembre 1943, culminata con il 25 aprile 1945 e confermata con il Referendum Costituzionale del 2 giugno 1946.

Quest’anno le celebrazioni a ricordo del 25 aprile 1945 assumono un particolare significato, stante il clima generale e da ultime, le palesi provocazioni esternate dal Ministro dell’Interno e segretario della Lega Salvini, che ha annunciato la sua deliberata e voluta non presenza alle cerimonie della Festa della Liberazione, paragonata ad un “derby tra comunisti e fascisti”.

E’ chiaro che le cose non stanno in questo modo, né che la Festa sia un monopolio di una parte politica rispetto all’altra: la Festa della Liberazione (Festa istituita nel 1946 e formalizzata con la legge n. 260 del 1949) è la festa di chi crede alla democrazia e ai valori della libertà e dell’antifascismo: come democratici abbiamo il dovere morale, civile e politico, di rappresentare tali valori partecipando, nelle realtà locali, alle varie manifestazioni che le Amministrazioni comunali e l’ANPI hanno organizzato sul territorio.

Ecco perché  chiedo di partecipare e significare la presenza di tanti di noi giovedì, proprio per testimoniare concretamente tale attaccamento ai valori democratici.

Una deriva che riguarda ahimè anche la nostra Regione: non ci sono infatti piaciute per niente – e lo abbiamo detto in tutti i modi, nelle sedi istituzionali e non – le recenti scelte della Giunta Fedriga, che hanno eliminato i finanziamenti agli istituti scolastici per i cosiddetti progetti speciali, quelli con i quali si finanziavano, ad esempio, anche le iniziative dell’ANPI all’interno delle scuole: davvero brutti segnali sui quali non possiamo chiudere gli occhi.

Diego Moretti

0