Giustizia e carcere di Gorizia. Interviene la senatrice PD Laura Fasiolo

«Sono molto soddisfatta della decisione della terza commissione del Consiglio Superiore della Magistratura di assegnare al Friuli Venezia Giulia quattro Magistrati Ordinari in Tirocinio (MOT) di cui 1 andrà a Trieste, 1 a Udine e 2 al Tribunale di Gorizia», l’annuncio è della senatrice PD Laura Fasiolo. Il Tribunale di Gorizia potrà dunque avvalersi di nuovo organico e nuove forze per mandare avanti i processi e per rendere il servizio sempre più efficace e operativo sul territorio. La decisione di attribuire due giuridici al Tribunale di Gorizia è stata raggiunta grazie ad una sinergia interistituzionale che ha visto la necessità di rafforzare una realtà complessa, che presenta degli elementi di criticità. Importante inoltre il contatto con il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per il Triveneto, Dott. Enrico Sbriglia, che ha consentito di mettere un altro mattone sulla strada dell’ampliamento del carcere di Gorizia che, come dagli auspici trasversali, potrebbe diventare un luogo di riabilitazione e di formazione per i detenuti.
«La funzione riabilitativa – come del resto quella formativa – è fondamentale per un carcere moderno, strutturato a misura d’uomo e finalizzato al reinserimento sociale e lavorativo. L’auspicio, dunque, è che il Carcere risponda in modo efficace ad una funzione educativa/rieducativa, che la restrizione della libertà consenta comunque di interagire con il sociale, assicuri un esercizio utile delle proprie competenze e una dignitosa qualità della vita e continuità degli affetti».
«Ho invitato il Prefetto dott. Santi Consoli, il Sottosegretario di Stato del Ministero della Giustizia Cosimo Ferri e il Provveditore Regionale Enrico Sbriglia a partecipare ad un incontro a Gorizia per valutare la possibilità di trasferire al carcere la contigua ex Scuola elementare Pitteri, in totale abbandono, perché ne facciano uso il personale e i detenuti, ai fini di attività formative, incontri con le famiglie, attività con le associazioni», conclude la senatrice Fasiolo.

0