Sanità: “Nel Goriziano carenza drammatica di fisioterapisti territoriali”

“Dal direttore Benedetti attendiamo risposte concrete e coerenti con le intenzioni espresse all’assemblea dei cittadini gradiscani, ovviamente col supporto di chi governa la sanità regionale. Finora abbiamo visto solo buoni propositi e ben poco di tangibile. In ogni caso abbiamo avuto conferma che gli ASAP possono essere un rimedio esclusivamente temporaneo reso necessario dalla mancanza di programmazione di questi ultimi anni, che non ha preparato il sistema alla sostituzione dei medici di base prossimi alla quiescenza”. Lo ha dichiarato la segretaria provinciale del Pd Isontino Sara Vito, che oggi ha partecipato a un incontro pubblico sulla situazione dei medici di base, organizzato dal Comune di Gradisca d’Isonzo, alla presenza di Giacomo Benedetti, direttore del Distretto Alto Isontino dell’Azienda sanitaria universitaria giuliano-isontina (Asugi).

“La segretaria dem ha inoltre segnalato “la carenza drammatica di fisioterapisti territoriali”, spiegando che “l’unica fisioterapista presente nel territorio deve coprire i turni di riabilitazione in RSA e il contratto dell’altra fisioterapista territoriale non è stato ad oggi rinnovato. In sintesi, se un anziano nel Goriziano viene dimesso dopo una frattura di femore non può fare la fisioterapia a casa. Questo non è potenziamento dell’assistenza domiciliare ma incentivo a rivolgersi al privato”.

“Si cambi rotta con urgenza – ha chiesto Vito – rendendo attrattiva la professione del MMG con i necessari incentivi, anche per facilitare dove necessario l’individuazione degli ambulatori dedicati e il personale di segreteria necessario per mettere i medici in condizione di lavorare da subito al meglio”.

La Segretaria Sara Vito

0